Rivestimenti ceramici e mercato dei dettagli auto

I rivestimenti ceramici sono l'ultima rivoluzione nel mondo dell'auto-dettaglio e della cura. Ma cosa sono esattamente e dove si collocano rispetto al mercato? Il termine "ceramica" comprende un'ampia gamma di prodotti, dagli articoli per la casa all'elettronica, alle apparecchiature mediche e oltre. Ma prima, definiamo cosa sono e come vengono applicati nel settore della cura dell'auto.

In breve, un prodotto ceramico è qualcosa che inizia come materiale malleabile come un liquido o un'argilla e viene indurito in forma tramite riscaldamento. Nella sua forma più semplice, questo è il modo in cui otteniamo cose come stoviglie a casa. Il concetto centrale è antico, ma nell'ultimo secolo è stato modernizzato e migliorato. Con materiali in fase di ricerca che hanno un'ampia gamma di applicazioni.

Questo ci porta al settore automobilistico e all'ascesa del "rivestimento ceramico" negli ultimi due decenni. Come sappiamo, un rivestimento ceramico è un liquido che ricopre un'auto, prima di essere indurito sotto le luci IR. Cuocere efficacemente il rivestimento in posizione e legarlo alla vernice sottostante. Questo approccio è stato a dir poco rivoluzionario nel modo in cui può proteggere un'auto. Sin dai tempi della Ford Model T e dello smalto cotto "qualsiasi colore fintanto che è nero", l'industria automobilistica ha cercato modi per proteggere e sigillare la vernice sulle auto.

I principali approcci alla cera e ai sigillanti polimerici, sviluppati tra gli anni '1940 e '60, sono stati in gran parte il modo in cui l'industria ha protetto le automobili. Ma il problema principale con gli approcci di sigillatura e ceratura è che sono ancora vulnerabili a vari tipi di danni. È qui che il rilascio dei primi rivestimenti ceramici negli anni 2000 ha rappresentato una svolta importante. Invece di utilizzare un sigillante di base e un approccio a cera, un rivestimento in ceramica ha coperto fisicamente la vernice per bloccarla in posizione e proteggerla.

Come prodotto è duro, trasparente e molto lucido. È anche qui che entra in gioco il vantaggio del materiale come ceramica. L'approccio dell'utilizzo di sigillanti e vernice a smalto lascia ancora la vernice vulnerabile perché tecnicamente è un tipo di vetro. Qualcosa che è ancora fragile e soggetto a danni. Laddove le cere di carnauba indurenti aiutano questo problema, il prodotto finito è ancora abbastanza morbido. Questo problema viene evitato poiché un rivestimento ceramico si lega come uno strato minerale indurito, che è significativamente più duro e meno soggetto a danni. Come una ceramica, i rivestimenti sono in grado di coprire completamente l'auto, mentre poi si induriscono nel guscio protettivo. Offre inoltre il vantaggio di un punto di fusione di 600°C (1100°F), che lo rende perfetto per rivestire superfici calde come il cofano, lo scarico o i componenti del motore. Ideale anche per i proprietari di auto in ambienti caldi, poiché la cera di carnauba si scioglie a 65°C.

Questo non solo offre il vantaggio di proteggere la vernice sottostante, ma riduce anche la necessità di manutenzione per mantenere la lucentezza dell'auto. Si va dalla ceretta trimestrale, al controllo annuale di manutenzione. Pur mantenendo l'auto lucida e nuova per anni. Compreso fornendo una protezione UV e chimica senza precedenti e producendo bordature per evitare macchie d'acqua per tutta la durata del rivestimento. Attributi che i processi standard non possono eguagliare.

Nel mercato, i rivestimenti ceramici non “colmano una lacuna” in quanto tali, ma si presentano invece come la prossima evoluzione di metodi già esistenti. Prendendo l'approccio di indurire e rivestire una vernice per proteggerla al livello successivo. Basandosi sul lavoro dell'antenato del settore per fornire un prodotto migliore, più duraturo e più forte.

Foto per gentile concessione di Abdulwahab Alawadhi su Pexels.

(funzione(w,d,s,l,i){w[l]=w[l]||[];w[l].push({'gtm.start': new Date().getTime() ,event:'gtm.js'});var f=d.getElementsByTagName(s)[0], j=d.createElement(s),dl=l!='dataLayer'?'&l='+l:' ';j.async=true;j.src= 'https://www.googletagmanager.com/gtm.js?id='+i+dl;f.parentNode.insertBefore(j,f); })(finestra ,document,'script','dataLayer','GTM-NNN5N85');